A Firenze con Francesco

"Non voglio qui disegnare in astratto un nuovo umanesimo, una certa idea dell’uomo, ma presentare con semplicità alcuni tratti dell’umanesimo cristiano che è quello dei sentimenti di Cristo Gesù". A Firenze papa Francesco traccia il percorso della Chiesa italiana che si riunisce per camminare insieme. Umiltà, disinteresse, beatitudine sono i tratti distintivi dell’"umanesimo cristiano che nasce dall'umanità del Figlio di Dio". L’inclusione sociale dei poveri, l’incontro e il dialogo "per favorire l’amicizia sociale cercando il bene comune" devono caratterizzare l’impegno di una Chiesa "inquieta, sempre più vicina agli abbandonati, ai dimenticati, agli imperfetti", lontana da "ogni surrogato di potere, di immagine, di denaro".

Ad ascoltare Francesco nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore c’è anche Ernesto Olivero che partecipa al 5° Convegno Ecclesiale Nazionale. Il fondatore del Sermig intervistato da Telepace ha sottolineato la necessità di dare spazio alle nuove generazioni che sono il futuro, ma nella misura in cui sono capaci di vivere pienamente il presente. Nel Buona giornata di mercoledì 11 novembre, ha poi ricordato l’invito di papa Francesco a entrare sempre di più nel Vangelo: il Papa in modo deciso e credibile ci vuole portare nel Vangelo. Da Firenze torno a casa con la certezza che siamo sulla strada buona. La strada di Dio, la strada di Gesù è veramente l’unica strada che noi cristiani possiamo desiderare.

Claudio Maria Picco

Di seguito, il video dell’intervista di Telepace (l’emittente che segue il magistero del Papa e l’attività della Santa Sede) a Ernesto Olivero e foto della visita di papa Francesco a Firenze. 





 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

E' possibile modificare le opzioni tramite le impostazioni del Browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su informazioni.