Sermig

Marcia 2018. FacciAMOpace. Ma è stato stupendo!

La marcia di Felicità e Amicizia dei bambini di tutti i colori di Feliciziaper chiedere ai grandi di far vincere finalmente la Pace e i Sorrisi. Organizzata dal Sermig con l'aiuto e la partecipazione di APE Social Wear, Asai, AMECE, Zhi-Song, Educadora, Fondazione U.C.I., Associazione Commercianti del Balon, Cottolengo, Associazione ARQA (Associazione per la Riqualificazione del Quartiere Aurora), Parrocchia Regina della Pace e Parrocchia di San Gioacchino
 
Oggi è un sabato speciale... forse il giorno più intenso e più magico di tutto l’anno all’Arsenale della Piazza! Oggi c’è la marcia Porta Palazzo Porta Pace... Facciamo Pace e portiamo Pace per le strade del nostro quartiere, per quelle strade che per noi sono casa! E davvero passiamo sotto le nostre case, e tante persone si affacciano, ci salutano... 
Accanto a me ci sono Clinton McCarty, belli e a tratti un po’ persi... ma per non perdersi mai del tutto hanno trovato un metodo infallibile: ovunque vanno ci vanno per mano! Ogni tanto prendono per mano anche me, soprattutto se si abbandonano un attimo tra loro... ma appena si riavvicinano sono pronti a ripartire ancora insieme! E non importa se poi una bandiera ti colpisce in testa o se la musica è alta... l’importante è essere insieme! 
Ehi, ma adesso si lanciano i palloncini... solo che il loro arancione gigante è già volato via da un pezzo... allora prendiamo tutti e tre insieme il mio palloncino rosso e insieme lo lanciamo verso il cielo con sogni, speranze, desideri! E ogni bambino dà volto allo stupore... Clinton fissa il cielo, occhi e bocca aperti, poi guarda me e mi dice: “È bellissimo...”
Abou cammina spesso qui accanto, a pranzo mi ha confessato che non ama il caos ma poi insieme ci divertiamo... e tutte le volte che bisogna urlare “Pace” cerco di assordarlo! Solo che all’ultimo urlo siamo lontani, ma vedo che mi cerca con lo sguardo... ci troviamo e senza urla ci regaliamo un sorriso! Altre mani a turno, per pochi o tanti passi, stringono le mie: sono io che prendo per mano voi, piccoli portatori di pace, o siete voi che state conducendo me? Il mio cuore si allarga, e si allarga talmente tanto che alcune lacrime non riescono a non scappare...
Finisce la marcia, siamo in piazza, ci cerchiamo e ci troviamo... Hiba, oggi si apre in un enorme sorriso e mi dice: “Ma è stato stupendo!!! È stato tutto molto più bello degli anni scorsi!”. Felicizia entra davvero in ogni cuore!

Maria Chiara Faggio

Foto: A. Pellegrini

View this photo set on Flickr


La seconda parte delle foto della marcia di Felicità e Amicizia dei bambini di tutti i colori di Felicizia per chiedere ai grandi di far vincere finalmente la pace e i sorrisi. Organizzata dalSermig con le coloratissime magliette di Ape Social Wear, la partecipazione di Asai, AMECE, Zhi Song, Educadora, Fondazione U.C.I., Associazione Commercianti del Balon, Cottolengo, Associazione ARQA (Associazione per la Riqualificazione del Quartiere Aurora), Parrocchia Regina della Pace e Parrocchia di San Gioacchino

Era pieno di bambini che cantavano, ballavano, suonavano i tamburi e siamo andati in una piazza dove sovente capitano delle cose negative. I bambini e i giovani, insieme a tanta gente voleva no che quella piazza fosse per la vita, fosse per il dialogo, fosse perché i bambini potessero giocare. E l’hanno detto alla loro maniera. E il quartiere ci ha accolto con gioia. 

Tantissima gente dalle finestre, dai balconi ci applaudiva, applaudiva questi giovani di tutte le razze, di tutte le religioni che con la loro gioiosità lo dicevano alla loro maniera, cioè gridando, ballando, suonando. 

Ed è stato bello ed è un ricordo che io mi porterò dietro per sempre perché vedere che la luce annulla il buio, il buono annulla il male, è veramente gioia.  E sta a noi cercare di dare futuro a questa gioia, sta a noi prenderci carico di questi desideri dei giovani per portarli avanti. 

E voglio bene a tutti  bambini che si sono lasciati abbracciare, che mi hanno cercato di abbracciare e voglio bene specialmente a un bambino che ha scritto una cosa meravigliosa sulla mia agenda e sarà uno dei ricordi che io terrò più cari. 

Ernesto Olivero
Dal Buona Giornata di domenica 30 dicembre 2018


Foto: L. Nacheli

View this photo set on Flickr