Sermig

Contesto

clicca per ingrandireNel 1996 nasce a San Paolo, in Brasile, l’Arsenale della Speranza, tra le mura dell’antica Hospedaria dos Imigrantes, una struttura che dal 1886 sino agli anni ‘50 ha accolto milioni di migranti provenienti da tutto il mondo, quasi un milione dall’Italia. Sostavano in questa “casa del dolore” per un periodo di quarantena prima di raggiungere le piantagioni di caffè e di cotone, dove andavano a sostituire gli schiavi.

La storia dell’Arsenale della Speranza si innesta in un cammino più grande, nato dagli incontri con Dom Helder Camara e con Dom Luciano Mendes de Almeida, maestri di vita con i quali sono stati promossi, in Brasile e altrove, centinaia di interventi e progetti di sviluppo rivolti soprattutto ai bambini.

Per gestire questi progetti sono nate, in diverse regioni del Brasile, le ASSINDES (in portoghese: Associação Internacional para o Desenvolvimento). Il cammino di comunione, umana e spirituale, intessuto con gli amici della ASSINDES di San Paolo (nata nel 1990) ha creato "le basi" per accogliere, oltre oceano, i primi consacrati della Fraternità della Speranza attorno ai quali è partito il progetto dell’Arsenale della Speranza.