Lapo Pistelli

La famiglia umana. L’Università del Dialogo del Sermig dedica il primo incontro del 2015 alle tensioni che animano lo scenario internazionale dall’est Europa all’Africa sub sahariana, al Medio Oriente.

Monica Canalis e Matteo Spicuglia hanno intervistato Lapo Pistelli, viceministro degli Esteri, docente universitario, esperto di diritto internazionale e di relazioni internazionali.

Il tema scelto, “La famiglia umana”, intendeva dare voce all’ideale di un mondo che ha bisogno di regole comuni e di armonia nelle relazioni tra Stati. Sappiamo bene che non è così. Oggi ci troviamo in un mondo che vive laceranti divisioni tra Paesi occidentali e Paesi islamici, divisioni all’interno di Paesi a maggioranza islamica, divisioni tra ricchi e poveri.

Al nostro interlocutore abbiamo chiesto quale è la strategia di medio e lungo periodo per realizzare il sogno di ricucire la frantumazione della nostra “famiglia umana”, quale contributo possono dare l’Italia, l’Europa, l’ONU.
Punti importanti della discussione sono stati: la disumanità dei flussi migratori fuori controllo; i limiti di una globalizzazione in cui vince il più spregiudicato; il dilagare del fondamentalismo in Medio Oriente, nell’Africa sub sahariana; la piaga degli atti terroristici; Il caso della Libia, della Nigeria, della Siria e dell’Irak.

Altri interrogativi: come non trasformare la guerra al terrorismo in una nuova guerra di religione? Come impedire che la politica strumentalizzi la fede? La crisi in Ucraina, la criminalità organizzata internazionale; il commercio di armi…
E ancora: come possiamo noi incidere sulle scelte di politica estera del nostro Paese e dell’Europa; come possiamo realizzare i nostri sogni di pace e di fratellanza universale.
Domande e spunti che hanno suscitato risposte e riflessioni documentate e chiare da parte del relatore.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

E' possibile modificare le opzioni tramite le impostazioni del Browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su informazioni.