Sermig

Missio

di Stefano Ravizza - A dicembre dello scorso anno Benedetto XVI per la prima volta aveva messo piede ufficialmente su un social network, aprendo l’account Pontifex su Twitter. Dopo un breve periodo di sede vacante, papa Francesco ha preso possesso dell’account. Ma in un mondo così interconnesso probabilmente non bastava solo il cinguettio giornaliero. Ed è così che il 17 maggio scorso in Vaticano, papa Francesco durante l’udienza con i direttori nazionali delle Pontificie Opere Missionarie e con il personale dell’Agenzia Fides ha dato il via ad una nuova app per dare informazioni sulle missioni e sulla Chiesa.

L’app Missio è stata realizzata da padre Andrew Small, direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie negli Usa che, presentando il servizio che permette di scaricare gratuitamente le news dell’Agenzia Fides, ha detto: “Santo Padre, vogliamo mettere il Vangelo nella tasca di ogni giovane del mondo. Il nostro fine è aiutare la gente a guardare il mondo attraverso gli occhi della fede.” Il Papa ha cliccato il pulsante su cui era scritto Evangelizantur (che in latino significa siano evangelizzati) su un iPad ed è partito il collegamento con le notizie di Fides, curate in otto lingue: inglese, spagnolo, italiano, tedesco, francese, portoghese, cinese e arabo e con il sito news.va in cui si possono trovare tutte le notizie della Chiesa nel mondo.

Se tutto ciò però non vi basta e volete avere una diretta continua di tutto ciò che succede al Papa vi suggerisco The Pope App del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali. Qui trovate streaming, video, foto, pensieri di papa Francesco in tempo reale.

Tecnology - Rubrica di Nuovo Progetto