Martirio

di Corrado Avagnina - Due quotidiani, a metà settembre, nello stesso giorno di avvio dei lavori vi hanno dato spazio: la Repubblica ed Avvenire hanno rilanciato, con le parole del priore Enzo Bianchi, il tema cruciale del convegno ecumenico su Martirio e Comunione, nel Monastero di Bose, con interventi autorevoli di figure del mondo cattolico ed ortodosso. La questione è seria.

Più volte vi è ritornato su anche papa Francesco, celebrando pochi giorni dopo un ricordo commosso dell’anziano abbé Jacques massacrato a Rouen a luglio da giovani jihadisti, anch’essi poi uccisi dalle forze dell’ordine. Insomma il martirio è incredibilmente di attualità. Enzo Bianchi si è soffermato, nelle sue riflessioni, con franchezza e lucidità, su quanto è avvenuto nella storia delle Chiese e su quanto avviene tutt’oggi in almeno 25 Paesi, a fronte della possibilità di finire ammazzati in ragione della propria fede cristiana, diventando – con questo sangue versato – seme di comunione tra le varie confessioni cristiane, interpellati da una testimonianza radicalmente evangelica che non conosce confini anzi che li supera e li azzera, soprattutto sul piano religioso.

Ma ci vuole massima attenzione, quando ci si misura col martirio. Intanto perché si risale a Gesù Cristo il giusto, che “in un mondo ingiusto può solo essere rigettato, perseguitato, messo a morte (e questa è una necessità umana), ma anche perché il giusto, se compie con perseveranza la volontà di Dio e non cede alla tentazione del male, finisce per essere destinatario della violenza umana. Secondo questo annuncio è avvenuta la morte di Gesù, che fu condannato innanzitutto dalla legittima autorità religiosa – i sacerdoti sadducei – e perciò dichiarato maledetto, scomunicato, e di conseguenza consegnato al potere totalitario romano perché subisse una morte ignominiosa, la morte in croce.

Per questo il Nuovo Testamento chiama Gesù martus, il testimone di Dio per eccellenza, fedele fino alla morte” (Avvenire). Ai primi discepoli una sorte simile è stata riservata in misura crescente, sulla scia del maestro. Ma c’è da scavare in questo gesto. Ed Enzo Bianchi lo fa andando in profondità, anche perché non ci si confonda, in tempi in cui ci si fa esplodere per ammazzare innocenti, uccidendo se stessi e facendo leva sulla medesima parola martire, appunto. “Il martire cristiano, infatti – spiega su Avvenire – non progetta il martirio come disegno umano, non cerca la morte gloriosa per darsi un’importanza e una notorietà mai avuta prima, non asseconda una brama di morte, né si incammina verso la morte con sentimenti contro qualcuno, fosse anche il suo persecutore.

Il martire cristiano è una persona che ama la vita e ama vivere, non disprezza la terra né tutto ciò che la vita può dargli, crede sì alla vita eterna ma non aliena nell’aldilà la vita presente e per questo accoglie la persecuzione e il martirio come una prova da cui vorrebbe essere liberato, ma che accetta nella sequela del suo Signore Gesù. Questo suo morire è coerente con la vita vissuta e l’atto con cui consegna la vita non è mai contro l’altro, contro un nemico, un malvagio: è un gesto posto affinché si interrompa la violenza, appaia la verità e non regni la menzogna, affinché l’amore sia più forte dell’odio”. Ovvio – aggiunge Enzo Bianchi – che non si può strumentalizzare l’idea di martirio per “autoproclamarsi vittime o per inventarsi un nemico da combattere”.

Invece si pone come un’esperienza che attraversa le varie Chiese cristiane, rendendole testimonianza totale del Vangelo, senza più differenze nel patrimonio di fede. Il martirio è un passo avanti, senza scampo. Aldilà di ogni diversità teologica. Ed Enzo Bianchi, su la Repubblica cita i martiri degli ultimi decenni da Dietrich Bonhoeffer a mons. Oscar Arnulfo Romero, a don Pino Puglisi, a Massimiliano Kolbe, a Salvo d’Acquisto… senza trascurare l’apprezzamento ammirato per chi ha sacrificato la vita per ideali di libertà e di giustizia. Tutti coloro che, pagando di persona, hanno cercato di cambiare in meglio questo nostro mondo.







Rubrica di NUOVO PROGETTO

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

E' possibile modificare le opzioni tramite le impostazioni del Browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su informazioni.