Sermig

Un quaderno per sempre

di Stefano Ravizza - Nell’epoca dei dispositivi mobili potremmo pensare che prendere appunti ad una lezione o ad una conferenza sia più semplice di una volta. Ma se non abbiamo a disposizione un tablet o un dispositivo di grossa taglia scrivere veloce può essere molto scomodo.

Il progetto Everlast potrebbe venirci incontro. Si tratta di un quaderno che dovrebbe durare per sempre. Le sue pagine permettono di scrivere normalmente con una biro, l’inchiostro si fissa e può essere cancellato con un panno umido per poi essere riutilizzate nuovamente. Per mantenere i nostri appunti utilizziamo l’app del progetto con cui fotografiamo le pagine che vengono riconosciute grazie ad una speciale qrcode presente in ognuna di esse. Sul fondo di ogni pagina troviamo una serie di icone che una volta barrate ci permettono di decidere se salvare il nostro documento su uno dei nostri servizi cloud o se condividerlo via mail o altro.

Se invece siete stufi di scrivere appunti sappiate che Facebook sembra stia lavorando alla comunicazione telepatica. Infatti, secondo alcuni blogger pare che il social network sia a caccia di un ingegnere specializzato nelle interfacce neurali, di uno specialista in neural imaging (una tecnica in grado di interpretare attraverso le immagini cosa sta avvenendo nel cervello) e di esperti nel campo della analisi algoritmica dei segnali audio per un progetto top-secret che riguarda le piattaforme di comunicazione del futuro. Difficilmente vedremo presto qualcosa del genere, ma state attenti a cosa pensate la prossima volta che aprite il vostro browser.

Stefano Ravizza
CYBERNOLOGY
Rubrica di NUOVO PROGETTO