Sermig

Presenza di Dio

di Domenico Agasso jr - «La familiarità con Dio rende liberi. Si può parlare con lui anche in bus». Parola di papa Francesco. Per Gesù, la famiglia è composta da «coloro che ascoltano la Parola di Dio e la mettono in pratica». Dunque, è un nucleo più grande di quello in cui si nasce.

Il Pontefice lo afferma nella Messa mattutina del 26 settembre 2017 a Casa Santa Marta. Papa Bergoglio – riporta Radio Vaticana – commenta il brano del Vangelo di Luca in cui si legge che è proprio il Signore a chiamare «madre», «fratelli» e «famiglia» coloro che lo circondano e lo ascoltano. E questo, nota Francesco, «fa pensare al concetto di familiarità con Dio e con Gesù» che è qualcosa in più rispetto all'essere «discepoli» o «amici »; non è un atteggiamento «formale», né «educato» né tantomeno «diplomatico ».

Vuole dire «entrare nella casa di Gesù... Vivere lì, contemplare, essere liberi, lì. Perché i figli sono i liberi, quelli che abitano la casa del Signore sono i liberi». Invece gli altri, «usando una parola della Bibbia, sono i “figli della schiava”, sono cristiani ma non osano avvicinarsi, non osano avere questa familiarità col Signore, e sempre c’è una distanza che li separa dal Signore». Ma familiarità con il Figlio di Dio, come insegnano i santi, significa pure «stare con lui, guardarlo, ascoltare la sua Parola, cercare di praticarla, parlare con lui». Comportarsi come lui indica, ogni giorno.

E ricordarsi sempre che la parola che proviene da lui e che è rivolta a lui, è preghiera: «Quella che si fa anche di strada: “Ma, Signore cosa pensi?” Questa è la familiarità, no? Sempre...».

Familiarità è inoltre «rimanere» in presenza di Cristo, come lui stesso consiglia nell’Ultima cena.

Lo stile di vita caratterizzato dalla familiarità con Gesù quindi non è quello apparentemente «buono» dei cristiani che però si tengono a distanza da lui, «tu lì e io qui». E allora, Francesco invita a fare come «quel cristiano, con i problemi, che va nel bus, nel metro e interiormente parla col Signore o almeno sa che il Signore lo guarda»: dimostra di sapere che Dio «gli è vicino». Ecco, «questa è la familiarità, è vicinanza, è sentirsi della famiglia di Gesù».

Bisogna dunque domandare «questa grazia per tutti noi», esorta il Papa, per «capire cosa significa familiarità col Signore ».

Domenico Agasso jr
PONTIFEX
Rubrica di NUOVO PROGETTO